Trasferta vincente per il primo XV

1 of 1 (or use arrow keys to navigate )

Grande prova di carattere a Benevento

La U.S. Primavera espugna lo stadio Pacevecchia di Benevento, campo ostico per caratteristiche e per meteo quasi sempre avverso, con una prestazione eccezionale e stoica imponendosi per 12 a 20 sugli avversari.

La Primavera arriva in territorio sannita ben preparata, conscia dei propri mezzi e delle proprie possibilità.

Nonostante le condizioni meteo avverse e il campo pesante, la Primavera trova subito la meta con Merendino al primo minuto, bravo a finalizzare una superba azione di squadra e marcare i primi punti. Brancadoro trasforma e arrotonda: 0-7.

Veemente la reazione dei padroni di casa, che impostano tutto il loro gioco su maul, drive e pick&go, riuscendo pochi minuti dopo a segnare una meta non trasformata, portando il punteggio sul 5 a 7.

I gialloblù sono bravi ad occupare il campo e a imporre il proprio gioco, costringendo ripetutamente al fallo gli avversari.

Una improvvisa azione “coast to coast” permette a Custureri e Belcastro di giocare un due contro uno a cinque metri dalla meta sannita, riuscendo a segnare in bandierina la meta del momentaneo 5 a 12.

Poco prima della metà di gara arriva il momento più delicato della partita: il Benevento ha una mischia chiusa a favore a pochi metri dalla linea di meta ospite. Da questo momento, e per quasi 12 minuti, la mischia della Primavera difende con le unghie e con i denti la propria area di meta: al 20’ il Sig. Odoardi commina un giallo al pilone sinistro, Matteo Serafino (al suo posto Risi). Cinque minuti dopo arriva il cartellino giallo anche al pilone destro Jacopo Belcastro (al suo posto Di resta)

In 13, la Primavera respinge l’assedio sannita e torna a giocare in 15 senza aver subito un punto.

Nel finire del primo tempo la Primavera non riesce ad aumentare il distacco dagli avversari con Brancadoro che, complice il fango e il vento non riesce per due volte a centrare i pali su punizione; tutta la squadra sfodera una maiuscola prestazione difensiva, non permettendo ai padroni di casa di avvicinarsi ai 22 metri gialloblù.

Nel secondo tempo, da registrare il rientro in campo dopo l’infortunio di Gasperini al 48’, che entra al posto di Mazza, autore di un’ottima prestazione.

La Primavera prova subito ad alzare il ritmo di gioco e riesce in un minuto ad andare a segno due volte: prima con Brancadoro, che centra i pali a seguito di un fallo dei padroni di casa (5 – 15), poi, alla ripresa del gioco è ancora Merendino (top scorer della seniores con 3 mete in altrettante partite) a segnare dopo una splendida azione corale. Callori V. riceve il calcio d’inizio e calcia alto, recupera il pallone con la complicità di un errore avversario e innesca l’azione che porta l’ala romana in meta, spostando il punteggio sul 5 a 20.

Al 55’ minuto cambia tutta la prima linea gialloblù: Gabbuti prende il posto di Venturoli, Risi subentra a Serafino e Di Resta sostituisce Belcastro, tra i migliori in campo.

I padroni di casa tentano di aumentare la pressione offensiva per recuperare lo svantaggio, ma vengono ripetutamente respinti dall’ottima difesa della Primavera.

Al 61’, però, la mischia del Benevento riesce a varcare la linea di meta, portando il punteggio sul definitivo 12-20.

La reazione della Primavera non si fa attendere e da un drive quasi arriva la quarta meta ospite, sventata in qualche modo dalla difesa sannita.

Gran difesa e disciplina sono le armi in più che permettono alla Primavera di gestire gli ultimi minuti dell’incontro.

Al 70’ ancora un cambio, entra Alessi per Marigo, ma il risultato non cambia e la Primavera, con il calcio in touche di Brancadoro, conquista i primi punti in trasferta della stagione.

Non ci sono streghe oggi, solo quadrifogli.

Superbo il terzo tempo offerto dal Presidente Palumbo, con pasta e formaggi della zona. Ringraziamo per la calorosa accoglienza.