U10: Fine stagione

  • 28 Giugno 2020
1 of 1 (or use arrow keys to navigate )

Commento a cura di Loretta D’Amico

È stato l’anno del doveva essere che non è stato, l’anno del rimando che poi non si è fatto, l’anno dell’attesa che poi si è spersa, dissolta in quell’aria già così contaminata.

“Ci rivediamo tra poco”, ci siamo detti mille volte, “per ripartire da dove si è interrotto…” ma il tempo, che ahimè non è per niente un gentiluomo, è andato avanti imperterrito, fagocitando giorni annoiati e interminabili.

E finalmente arriva quel momento in cui, dopo mesi di chiusura, ti riaffacci timidamente alla vita e torni al campo. Te lo ricordi arido e polveroso, invece c’è l’erba, bella fitta e rigogliosa. Ti guardi intorno, gironzoli come facevi da bambino quando, dopo giorni di vacanze, tornavi nella tua casa di città tra le tue cose. Ti riprendi i tuoi spazi, i tuoi amici, le tue abitudini, tranne il tempo che è volato via.

E poi ti imbatti in un gruppetto di ragazzetti, che si stringono in barba alle regole, li noti perché si scrutano come per ritrovarsi, per riconoscersi. E poi ti accorgi che c’è qualcosa di familiare, strizzi gli occhi per mettere a fuoco… eh già, sono proprio i tuoi bimbetti o quel che ne rimane, solo nei tuoi ricordi.

Quindi si ripartirà, ma non da dove si è interrotto perché in mezzo si sono infilati centimetri, muscoli e peluria. Si riparte dai salti di categoria per chi è costretto a lasciare un vecchio, che non sembra poi così vecchio, per il nuovo che forse quest’anno fa più paura. Sarà diverso persino il campo e forse saremo ancora costretti a rispettare regole e restrizioni, ma c’è una cosa che non cambierà mai: un pallone ovale che t’ingannerà sempre nel ribalzo, ma che se passi non cambierà mai direzione.